Recensione Honey I Washed My Hair

Recensione Honey I Washed My Hair

Debby

Honey I Washed my Hair è uno shampoo solido, quindi privo di imballaggio, comodo per viaggiare e con una durata sicuramente superiore ad un prodotto liquido.

Ovviamente il punto forte di questo prodotto è l’assenza di packaging, ma ciò che mi ha convinta a portarlo a casa è stato il profumo, dolcissimo ed avvolgente, in cui il miele e il bergamotto sono assolutamente predominanti.

Il prezzo di questo shampoo è 12 euro per 55 gr. di prodotto. 

Per anni ho utilizzato prodotti biologici, senza siliconi, parabeni e petrolati, e nel tempo avevo trovato una routine che mi rendeva soddisfatta. Eliminare i prodotti confezionati non è stato così semplice, e il mio primo shampoo solido è stato proprio acquistato alla Lush. 

INCI

Sodium Lauryl Sulfate, Honeycomb, Fairly Traded Honey, Perfume, Sweet Wild Orange Oil, Bergamot Oil, Water (Aqua), Limonene, Linalool, Amyl Cinnamal, Citronellol, Butylphenyl Methylpropional

shampoo della Lush Honey I Washed My Hair

 UTILIZZO

Quando utilizzo uno shampoo solido semplicemente bagno la saponetta e la strofino tra le mani, e poi, con la schiuma che si è formata, lavo i capelli.

CONCLUSIONE

Quando ho comprato questo prodotto, ingenuamente non ho letto gli ingredienti, dando per scontato che si trattasse di un prodotto idratante e delicato.

Dopo qualche settimana di utilizzo, ho iniziato a provare secchezza e prurito al cuoio capelluto, sono andata a leggere gli ingredienti e ho visto che al primo posto c’è il Sodium Lauryl Sulfate, un ingrediente che ho eliminato dalla mia routine da anni. 

Per quanto mi riguarda, continuerò ad utilizzare questo shampoo solo nei giorni in cui, dopo una maschera o un impacco, ho bisogno di un lavaggio più profondo, ma per i lavaggi quotidiani continuerò ad utilizzare shampoo più delicati e privi di solfati.

Per quanto questo prodotto sia molto efficace nel lasciare i capelli puliti e molto profumati, non lo consiglio a chi, come me, ha capelli secchi e la pelle delicata. 

Honey I Washed My Hair

  • È privo di packaging
  • Ha una durata superiore ad uno shampoo liquido
  • È molto comodo per viaggiare
  • Non è delicato
  • Il prezzo non è basso
Dentifricio fai da te: Il Debbiefricio

Dentifricio fai da te: Il Debbiefricio

Debby

Quando ho iniziato questo percorso il dentifricio è stata una delle prime cose che ho smesso di acquistare.

Perché usare un dentifricio fai da te?

  1. Si tratta di un prodotto di uso quotidiano la cui confezione non viene riciclata;
  2. Gran parte dei dentifrici contiene dei microgranuli abrasivi ,che, ad ogni utilizzo, vengono dispersi nell’ambiente e forniscono un grande contributo all’inquinamento da microplastiche;
  3. Alcuni degli ingredienti utilizzati nei dentifrici sono controversi: il Triclosan per esempio, il cui utilizzo è stato bandito in alcuni Pesi per i suoi effetti nocivi, e altri ingredienti non cessari che potremmo evitare di rilasciare nell’ambiente e introdurre nel nostro corpo;

Scegliere di smettere di utilizzare il mio classico dentifricio è stato molto semplice, meno semplice è stato trovare una valida alternativa (smettere di lavare i denti sarebbe stato economico ma probabilmente avrei ricevuto piú di qualche lamentela da chi mi sta intorno!)

Dopo una serie di esperimenti salati, granulosi e a volte liquidini, sono felice di presentarvi
il Debbiefricio!

Cosa serve

  • 20 gr di acqua
  • 30 gr di argilla verde o bianca – L’argilla ha un’azione antibatterica, abrasiva e proteggerà lo smalto dei vostri denti;
  • 5 gr di olio di cocco – Migliorerà la consistenza del dentifricio, in più ha un effetto sbiancante e antibatterico;
  • 9 gocce di olio essenziale di menta piperita – È molto rinfrescante e lascia in bocca la tipica sensazione di pulito, ma potete utilizzare anche altri oli che avranno diversi benefici;
  • 5 gr di xilitolo – È un dolcificante naturale che, oltre a rendere molto più piacevole il sapore del dentifricio, previene l’insorgenza di carie e riduce la formazione della placca;
  • 1 gr di gomma di guar – agirà da addensante;

Procedimento

Inizio unendo acqua calda e gomma di guar e poi li aggiungo a poco a poco all’argilla fino ad ottenere un composto liscio.

Quando il tutto si sarà raffreddato procedo aggiungendo l’olio di cocco, lo xilitolo (potete aggiungerne di più se preferite un dentifricio più dolce) e l’olio essenziale di menta piperita.

Per migliorare la consistenza e assicurarvi che tutto sia ben amalgamato, potete utilizzare una frusta e sbattere il tutto finché non si sarà addensato.

Fatto! Il dentifricio è pronto!

Provate questa ricetta del dentifricio fatto in casa e fatemi sapere cosa ne pensate. Io posso dirvi che ancora non mi sono caduti i denti!

.

Troverete i link degli ingredienti che ho utilizzato, nel caso in cui non aveste un negozio di prodotti naturali a portata di mano.

Pin It on Pinterest